Come nasce questo progetto?

Ci sono due cose in questo momento che mi premono: scrivere sceneggiature e approfondire i 17 obiettivi dello sviluppo sostenibile promossi nell’Agenda ONU.

Il regista Wolfgang Becker forse mi perdonerà,  ma l’idea di questo sito mi è nata pressappoco dopo aver visto il suo film Goodbye Lenin.

Nel film il protagonista Alex vorrebbe mostrare alla madre una realtà che non esiste più. Durante il crollo del muro di Berlino, la madre è entrata in coma e lui, prevedendo quanto la notizia del crollo la shockerebbe (era un’accanita sostenitrice della Repubblica Democratica Tedesca) decide di ricreare rocambolescamente per la madre la normalità della vecchia DDR. All’inizio amici e familiari lo prendono per pazzo, ma alla fine si rivela una decisione vincente.

Sì, va bene, ma che cosa c’entra questo film capolavoro con il tuo sito dal titolo bislacco?

Dopo aver vista Goodbye Lenin mi sono detta: dato che trovare una realtà per scrivere sceneggiature e approfondire gli obiettivi sostenibili è difficile, sai che c’è? Me la creo io.

La mia idea perciò è raccontare l’impatto dei 17 obiettivi sostenibili nella nostra quotidianità attraverso gli occhi di una giovane donna che, senza alcuna velleità educativa (non si tratta di pubblicità progresso o clip per note ONG) racconta ciò che vede o chi incontra nel suo percorso. Ciò che mi interessa comunicare attraverso queste brevi storie è quanto in realtà tutti siamo immersi in questioni che riguardano i cosiddetti sustainable development goals e quanto sia importante prenderne atto e cercare di contribuire al loro conseguimento.

Non ho trovato, pur spulciando siti che raccontino gli sdgs in versione screenplay, per cui eccomi qua.
Spero che se esistano, io non lo vengo mai a sapere, non finché almeno abbia scritto i primi 17 articoli!